Riappropriarsi del presente

Anonimo ha scritto 5 mesi fa

Come aiutare i ragazzi a smaltire questa perpetua sensazione di tempo sospeso e di soggettività tra parentesi .

1 Risposte
Dott. Andrea Fianco ha risposto 4 mesi fa

Difficile rispondere in termini generali. Ogni caso meriterebbe un’attenzione specifica. Inoltre dobbiamo considerare che siamo ancora in una fase sospesa e quindi lo smaltimento potrà avvenire solo una volta che usciremo da questo stato di incertezza. Tuttavia, possiamo aiutare i ragazzi ad accettare la situazione dando loro l’opportunità di parlarne, di esprimersi e di condividere i vissuti che li riguardano. Si tratta in sostanza di creare occasioni, momenti o situazioni entro cui i ragazzi possono portare fuori sensazioni ed emozioni interne. In questo modo l’incertezza può divenire un momento di elaborazione e riflessione importante che aiuta a crescere o semplicemente ad accettare che esistono dei limiti alla nostra onnipotenza e che non possiamo controllare tutto. Possono aiutare riferimenti storici ad epoche in cui le pandemie, le guerre o altre forme di disagio hanno alterato la qualità di vita di molte persone ma che dall’altro canto hanno sostenuto importanti evoluzioni a livello individuale e sociale. In ogni persona, famiglia e comunità esiste la possibilità di sviluppare la resilienza e bisogna pertanto avere fiducia che tutto passerà e al contempo la pazienza di aspettare abitando l’attesa con riflessioni utili a se stessi e agli altri.  

La tua risposta